martedì 20 gennaio 2015

BlogTour 'La Creatura' di Valentina Linardi | 5°Tappa

Salve lettori,
sono qui per la quinta tappa del BlogTour del libro di Valentina Linardi 'La Creatura'! In questa tappa l'autrice ci parlerà delle Curiosità riguardanti il libro che ha scritto! Non mi resta che farvi leggere ciò che ha scritto :D, ma prima ripassiamo un po' le Regole e il Calendario!
 ────────────────
Regole del BlogTour:
- Iscriversi al blog dell'autrice Le parole di Valentina e ai blog che ospitano le tappe;
- Commentare almeno Cinque post del tour;
- Condividere con g+ e attraverso i social network;
- Diventare fan della pagina facebook dell'autrice
Ricordo che, per poter partecipare al Giveaway finale e avere la possibilità di vincere una copia Cartacea del libro con autografo e dedica, dovete rispettare queste poche e semplici regole.
────────────────
Calendario del BlogTour:
08\01 | 1°Tappa | Presentazione, su Le parole di Valentina;
11\01 | 2°Tappa | Soundtrack, su La Piccola Bottegaia;
14\01 | 3°Tappa | Intervista all'Autrice, su Books...what Else?;
17\01 | 4°Tappa | Estratti & Citazioni, su Libri di Cristallo;
20\01 | 5°Tappa | Curiosità, su ParanormalBooksLover;
23\01 | 6°Tappa | Intervista ai Personaggi, su Un Lettore è un gran Sognatore;
26\01 | 7°Tappa | Recensione, su Letture Sognanti;
29\01 | 8°Tappa | Estrazione Vincitori, su Le parole di Valentina.
──────────────────────────────────────────────────────
Allora, premetto che per me è difficile scrivere questo post perché non so assolutamente cosa ve ne possa importare di come abbia fatto a scrivere 'sto "libro", ma ci provo lo stesso.
Inizio col parlare dei singoli racconti.
  • Le Mie Cicatrici. Non avrei mai pensato che ne sarebbe uscita qualcosa, se devo essere sincera. Ero partita scrivendo questo fantasy in cui lei odiava farsi notare (per motivi che non sto a dirvi: lo scoprirete quando e se lo porterò a termine), ma ad un certo punto è entrato in scena il suo migliore amico, Eric. Ecco, me ne sono innamorata. Il problema stava però nel fatto che nel contesto era completamente fuori luogo. Poteva essere bellissimo, ma la sua apparizione non aveva né capo né coda. Proprio per questo ho cambiato radicalmente la trama, lasciando solo la ragazza che non voleva farsi notare ed Eric. Ho cambiato anche il colore di capelli della ragazza, per la cronaca, in quanto prima era bionda. Comunque, ho iniziato a scrivere delle scene a caso (la maggior parte delle quali ho poi eliminato) e quando ho capito che non avevano senso ho preso a scrivere dal primo capitolo. Così ho scritto prologo e primo capitolo e li ho pubblicati sul blog. Sono finita a scrivere la storia tanto per i miei fans quanto per me, il che mi piace tantissimo perché dopotutto è grazie a loro che l'ho finita.
  • La Casa Maledetta. Come prima cosa, devo dire che non ho neanche mai pensato che sarei arrivata a scriverne più di mezza pagina. In effetti, era nata come una mezza pagina di quadernino, buttata giù in un'ora buca a scuola, in primo o secondo liceo. L'ho scritta, mi pareva conclusa, e sono andata avanti a scrivere un altro "racconto" breve breve breve. Più tardi l'ho fatto leggere ad alcune mie amiche, che mi hanno chiesto un seguito che non avevo. In qualche modo, mesi dopo (o forse un anno, bho) ho scritto il seguito. E con seguito intendo due pagine, che mi sembravano anche troppe. (Non riuscivo a scrivere granché in prosa, capitemi.) Poi però mi è venuta l'idea di pubblicare una storia a capitoli sul blog, e ho pensato che quello (essendo l'unico mio scritto che superasse le due pagine) sarebbe stato un buon inizio. E ne è venuta fuori tutta la storia, con una trama alla quale, se devo essere sincera, ho pensato ben poco prima di buttarla su carta. Anzi, su schermo. In pratica ho seguito il filo conduttore della storia un po' come i lettori per farlo arrivare ad un finale quasi sensato.
  • Il Ragazzo Maledetto. Quando ho pubblicato l'ultimo capitolo de La Casa Maledetta sul blog, più di un fan si è lamentato di non conoscere per intero la storia di Cam, e quindi del fatto che non era un finale che... Bhe, che avesse una fine. Ecco perché mi sono impegnata a pensare alla storia di Cam (di cui non ero molto sicura neanch'io) e ho scritto Il Ragazzo Maledetto, che è allo stesso tempo un prequel e un sequel de La Casa Maledetta. Non potevo scrivere solo un prequel, perché ero piuttosto sicura che avrei sentito nostalgia di Helen.
Questi sono i racconti principali del libro. Ora, passiamo ai due racconti "secondari".
  • La Creatura. E' il racconto da cui prende il nome il libro. L'ho scelto un po' perché ci sono affezionata, ecco, e un po' perché... insomma, La Creatura, la mia creatura... Avete capito. L'ho scritto in Sila, nello stesso periodo in cui ho scritto quelle due pagine de La Casa Maledetta. Ero sdraiata davanti al lago e mi è venuto in mente, per cui l'ho scritto subito sul quaderno che avevo nella borsa.
  • Perché certe cose ti Aggrediscono alle Spalle. L'ho iniziato due anni fa. Ho partecipato ad un corso di teatro, e la rappresentazione che avremmo dovuto svolgere alla fine era ambientata in una stazione. Ecco, a furia di pensarci mi è venuto in mente questo.
E questi sono tutti i racconti del libro! Bhe, direi che non c'è molto altro da dire.
Le poesie sono 18 perché faccio il compleanno il 18 Ottobre, e se ho inserito quelle su Dio è stato in particolare perché piacciono tanto a mamma.
Ho incontrato il problema più difficile con la copertina, in quanto quella che avrei dovuto usare non andava bene (per vari motivi che non sto a spiegarvi) e ho dovuto trovarne un'altra. Ho chiesto a Paola e... bhe, mi ha fatto questa bellissima copertina che vedete qua. E non posso che esserne contenta, perché fa sembrare il mio libro molto più bello di quanto sia in realtà.
A questo punto direi di aver finito sul serio. Ovviamente sono disponibile per qualunque altra domanda, ma non credo ci sia più nulla da dire.
────────────────
Queste sono le parole dell'autrice; se avete qualche altra domanda fatela pure e lei vi risponderà! Vi ricordo anche di seguire tutte le regole per poter vincere una copia cartacea del libro**

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. non mi sorprende che tu abbia fatto tanti cambiamenti :') è da te!

    RispondiElimina
  3. devo dire che mi incuriosisco sempre più, mi piace scoprire come nascono le storie, e i personaggi, una domanda che forse non ti sei posta e voglio portela io. quanto di te c'è nelle protagoniste delle tue storie???
    condiviso su
    https://plus.google.com/u/0/113323159535376562702/posts/SuFqfmekj33
    https://twitter.com/streghetta6831/status/557595687760953346?lang=it
    https://www.facebook.com/stefania.mognato/posts/10203703848332540?pnref=story
    ciao e grazie per l'opportunità che ci date e un grazie anche alla nostra blogger un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Stefania, mi fa molto piacere questo tuo interesse :)
      Credo che le protagoniste delle mie storie siano tutte un modo diverso di vedere me stessa. In ognuna c'è qualcosa di me, anche se non in tutte alla stessa maniera. Mi spiego meglio: in Helen c'è il mio carattere forte, in Lauren la parte di me che vorrebbe lasciarsi andare (che di solito è ben nascosta sotto tutto il resto), e così via. Penso che sia così per tutte le scrittrici, che in un modo o nell'altro vogliono avere un po' di sé nelle proprie storie, nei personaggi principali quanto in quelli secondari.

      Elimina
  4. Grazie Valentina della risposta, e sono quindi sempre più incuriosita, leggerò il tuo libro e poi vediamo quanto riesco a cogliere di te eheheh

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*