martedì 24 novembre 2015

Hope They Translate! #17

Rubrica creata da me, di cadenza bimensile, in cui il sabato, vi informerò su libri non ancora tradotti in italiano, ma che Spero vivamente che le case editrici prendano in considerazione.

Buongiorno lettori**
no, non ho sbagliato a guardare il calendario, non siamo sabato, ma lo scorso ho preferito pubblicarvi i miei ultimi arrivi e siccome il post di Hope They Translate è già pronto non vedo perché non pubblicarlo, anche se il giorno è sbagliato!
Tanto per anticiparvi una piccola curiosità sto pensando di organizzare un piccolo giveaway a tema natalizio ovviamente, avrei voluto organizzarlo prima non ce l'ho fatta :( Spero di riuscire nell'anno nuovo ad organizzarmi meglio tra blog-lavoro :S
─────────────────────────────────────────────
Il primo libro di cui volevo parlarvi è Black Rabbit Hall di Eve Chase, un Mistery che ho adocchiato a Londra per la cover bellissima. L'altro libro è The Shadow Society di Marie Rutkoski, un Distopico che promette moooolto bene.
─────────────────────────────────────────────
Titolo: Black Rabbit Hall
Autore: Eve Chase
Editore: Michael Joseph
Pagine: 392
Data di Pubblicazione (USA): 29 giugno 2015
Goodreads
Trama (trama tradotta da me):
Amber Alton sa che le ore passano in maniera differente al Black Rabbit Hall, la sua tenuta di campagna situata a Londra, dove non ci sono due orologi che leggono la stessa ora. Le estati trascorrono in modo perfetto, senza tempo. Non succede mai niente. Fino a quanto, in una sera tempestosa nel 1968, qualcosa accade.
Lo straordinario mondo dei quattro bambini Alton viene frantumato. Coinvolti dai tragici eventi, crescono in fretta. Ma quando un attraente straniero arriva, queste lealtà sono messe alla prova. E un'altra catastrofe appare all'orizzonte..
Decenni più tardi, Lorna e il suo fidanzato si inoltrano nella campagna alla ricerca di una tenuta di nozze. Lorna è intenta a cercare una bella casa diroccata, vecchia che le faccia ricordare i tempi della sua infanzia, sentendo un legame che non riesce a capire. Quando trova scolpito su una quercia un messaggio che la disturba, un messaggio scritto da uno dei bambini Alton, Lorna realizza che i segreti racchiusi a Black Rabbit Hall sono oscuri quanto i boschi che la circondano, per questo, esattamente come il suo passato, devono essere portati alla luce.
Un'emozionante storia che lega i cuori di due donne separate da decenni, ma inspiegabilmente legate da Black Rabbit Hall. Una storia di una infanzia dimenticata e sogni spezzati, segreti e dolori, e la forza dell'amore della famiglia.
─────────────────────────────────────────────
Titolo: The Shadow Society (The Shadow Society, #1)
Autore: Marie Rutkoski
Editore: Farrar, Straus and Giroux
Pagine: 416
Data di Pubblicazione (USA): 16 ottobre 2012
Goodreads
Trama (trama tradotta da me):
Darcy Jones non ricorda nulla prima del giorno in cui fu abbandonata, ancora bambina, fuori da una caserma dei vigili del fuoco di Chicago. Non è mai appartenuta ad alcun luogo - ma non avrebbe mai potuto immaginare di venire da un mondo alternativo in cui il Grande Incendio di Chicago non è realmente accaduto e creature mortali chiamate Shades terrorizzano la popolazione umana.
I ricordi iniziano a perseguitare Darcy quando un nuovo ragazzo arriva nella sua scuola, e le fa sentire di desiderarlo e di essere desiderata in un modo che non credeva possibile. Ma l’interesse di Conn nei suoi confronti è molto confusionario. Non è coerente con il modo con cui l’ha guardata la prima volta.
Come se lei fosse un suo nemico.
Quando Conn la tradisce, Darcy realizza che non può far affidamento su nulla - non su se stessa, non sulle leggi di natura, e certamente non su di lui. Darcy decide di infiltrarsi nella Shadow Society e svelare l’ultimo piano terroristico degli Shades. Quello che scoprirà, però, cambierà il suo mondo per sempre…

3 commenti:

  1. La copertina del primo è fenomenale *_* e sembra anche interessante!

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Gaia, quella cover è bellissima!! Speriamo arrivi in Italia (anche con stessa cover è chiedere troppo, vero?) :)

    RispondiElimina
  3. Ecco... Io ho deciso di leggerli anche se non li tradurranno. Soprattutto il primo m'incuriosisce troppo.

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*