martedì 11 aprile 2017

Recensione 'Nel Profondo della Foresta' di Holly Black

Buongiorno lettori!
oggi vi lascio il mio pensiero su un libro che ho letto in anteprima, ed esce proprio oggi in libreria! Era uno di quei libri che avevo inserito nella rubrica 'Hope they Translate', quindi non potrei essere più felice di poterlo stringere tra le mani e riporre in libreria. Il libro ha il suo perché, mi è piaciuto molto e credo proprio piacerà anche a voi (:
──────────────────────────
Titolo: Nel Profondo della Foresta
Autore: Holly Black
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 11 Aprile 2017
Pagine: 252
Prezzo: €18,00
Goodreads  |  Amazon  |  Pagina Ufficiale
Trama:
Nel profondo della foresta c'era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra.
Dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e orecchie affilate come coltelli... Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte.
Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato.
Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai.
Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade... sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città.
Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l'hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.


RECENSIONE
Come sempre non avevo idea in cosa mi sarei imbattuta, ho letto alcune recensioni su questo libro, ma non credevo mi sarei ritrovata in un mondo fatato. Sono rimasta piacevolmente sorpresa dallo scoprire che le creature che popolano le pagine di questo libro non sono le tipiche fatine carine e coccolose, bensì sono creature pericolose e sanguinarie. Ciò che ho apprezzato maggiormente è il fatto che gli abitanti di Fairfold siano totalmente consapevoli della loro presenza, anzi cercano di fare di tutto per mantenere con loro un buon rapporto.
Ho amato i personaggi, mi sono immedesimata in ognuno di loro: Hazel è una ragazzina coraggiosa sin da quando era bambina, sempre alla ricerca dell'avventura nonostante sia consapevole che corre un grosso rischio sfidando i mostri; sino alla fine ha infranto ogni regola che conosceva, anche se le conseguenze sarebbero state disastrose. Ben al contrario della sorella ha la testa sulle spalle, sa' riconoscere ciò che può nuocere a se stesso e cerca di fare le cose giuste. Ciò che ho apprezzato di più di Benjamin è che crede nell'amore, l'amore quello vero, quello duraturo e sin da piccolo, mentre la sorella pensava a diventare un cavaliere, lui voleva semplicemente trovare una persona che posso passare il resto della sua vita insieme a lui. Ad essere sincera il personaggio che più mi ha incuriosita è Jack, un ragazzo che ne ha passate tante nella sua vita a causa della sua diversità: non è un umano come tutti, bensì un Changeling, che possiamo definirli i 'gemelli di persone umane'. E' un amico dei fratelli Evans e nonostante i cittadini di Fairfold non vedano di buon occhio la sua presenza in città, cerca di aiutare le persone andando contro a quelli della sua specie.
La parte più misteriosa del romanzo è senza dubbio il mistero che avvolge la figura del 'Ragazzo nella Bara di Vetro': la storia che porta dietro di sè è molto interessante e coinvolgente, man mano che si fa conoscere lo si apprezza di più, ma mi è sembrato un personaggio un po' scontroso, uno di quelli che non si fa amare dal lettore come invece dovrebbe.
Il libro per quasi tutta la durata della vicenda ha mantenuto un ritmo incalzante, misterioso al punto da costringerci a continuare a tenere i nostri occhi incollati alla pagine per districare tutti i fili e capire ciò che realmente sta accadendo in questo paesino fuori dagli schemi. Se devo trovarci un difetto - che alla fine non è, ma è un mio appunto personale - è che a volte terminato il capitolo si veniva catapultati nel passato, attraverso i pensieri e le vicende dei due protagonisti, ma questo mi faceva solo distogliere l'attenzione dal filone principale, oppure mi faceva venir voglia di saltare i pensieri per andare dritta al succo. La storia è un mix di moltissimi elementi, vi troviamo elementi mitologici mischiati con elementi sovrannaturali, il tutto si svolge nei giorni d'oggi, ma ogni dettaglio è bilanciato alla perfezione, in modo da sembrare più realistico che mai.
Tempo di lettura: 2 giorni

2 commenti:

  1. Non solo è bellissima la copertina. Anche la trama è molto interessante, adesso corro a metterlo su Anobii nei desideri.

    RispondiElimina
  2. Sono proprio contenta che ti sia piaciuto così tanto :D io ho adorato le fate della Black proprio perché sono tutto fuorché carine e coccolose! Spietate, è il termine giusto *o* fantastiche!

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*