venerdì 30 settembre 2016

Recensione: "La Casa per Bambini Speciali di Miss Peregrine" di Ramson Riggs

Buongiorno lettori!
oggi, come ben saprete, oggi è in uscita l'adattamento cinematografico di questo piccolo capolavoro - ovviamente non qui in Italia, ma negli States. Sto parlando de La Casa per Bambini Speciali di Miss Peregrine, un libro che ho divorato in pochissimo tempo e che non vedo l'ora di vedere al cinema, peccato dover attendere fino al 15 Dicembre, ma sono convinta che ne varrà la pena (:
──────────────────────────
Titolo: La Casa per Bambini Speciali di Miss Peregrine (Miss Peregrine, #1)
Autore: Ransom Riggs
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 02 Novembre 2011
Pagine: 383
Prezzo: €18,00
Goodreads  |  Amazon
Trama:
Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d'altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l'oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all'orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d'epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che - protetti, ma ancora per poco, dalla curiosità del mondo e dallo scorrere del tempo - si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro?


RECENSIONE
Come ho visto il trailer del film, ho capito che era il momento perfetto per leggere questo libro; per non parlare del fatto che ho cercato per almeno tre mesi di accaparrarmi una copia usata rilegata su libraccio per poco meno di 3€, direi che avevo atteso già troppo tempo.
Il libro inizia raccontandoci del rapporto tra Jacob e suo nonno Abraham, delle sue avventure quando era ragazzino, delle persone speciali fuori dal comune che aveva conosciuto e a male in cuore abbandonato alla ricerca di una vita normale. Il nonno gli aveva raccontato dei mostri, ma Jacob ha sempre pensato che fosse la sua immaginazione, delle storie tanto per spaventarlo, eppure il giorno in cui ha trovato suo nonno nel bosco dietro casa morente, giura di averne visto uno uguale a come lo descriveva il suo amato nonno. I suoi genitori non sono stati molto comprensivi con lui, hanno pensato che avesse perso la testa e per questo viene spedito da uno psichiatra che tenta in ogni modo di aiutarlo. Jacob crede che per riuscire a superare meglio la morte di Abraham deve fare una gita e andare sull'isola dove il nonno ha vissuto per qualche anno, luogo delle storie che gli ha sempre raccontato, e lo psichiatra pensa che sia un'ottima idea. Non avrebbe mai sospettato che i racconti del nonno fossero tutti reali, i bambini che sono in grado di fare cose incredibili, e soprattutto i mostri. Jacob si ritrova coinvolto in una storia fuori dalle righe, ma dovrà anche affrontare un pericolo più grande di lui.
Il libro si legge in poco tempo e le pagine scorrono che è una meraviglia, la storia è originale, ma mi sarei aspettata qualcosa di più geniale, qualcosa che mi lasciasse a bocca aperta, volevo che si rivelasse più bello di quanto mi sarei immaginata. Sono rimasta un po' delusa per il fatto che le mie aspettative non venissero superate, ma per questo non devo nessuna colpa a Riggs. La sua storia è per un vasto pubblico, può essere apprezzata sia da grandi sia da piccini, ma non bisogna avere aspettative troppo alte.
Mi è piaciuta moltissimo l'ambientazione, su un'isoletta con poca popolazione, isolata dal resto del mondo, dove la tecnologia non è stata ben accettata, dove per avere la luce bisogna avere dei grandi e rumorosi generatori e vi è un solo telefono in tutto il territorio, dove tutti si conoscono tra di loro e ognuno di loro ha un ruolo ben preciso. Mi è piaciuto l'alone di mistero che si percepiva intorno alla casa che Jacob ha tanto cercato e quando l'ha trovata ne è rimasto deluso, ma affascinato al tempo stesso, pronto a scoprire ogni piccolo segreto che ancora aleggiava nelle stanze distrutte da una guerra.
I personaggi sono semplici, sono bambini, pensano a divertirsi, ma hanno anche un buon senso della giustizia. Sono in grado di distinguere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e persino a riconoscere la vera natura di qualcosa anche se non sembra, ma d'altronde loro sono i primi ad essere visti in un modo che non sono. Ogni bambino speciale accudito da Miss Peregrine ha una sua particolarità, e questa è una cosa che affascina, ma ciò che intriga di più il lettore è senz'altro l'abilità di Miss Peregrine nel costruire degli anelli temporali. Mi sono sentita attratta da questa magia e ne volevo sapere sempre di più, ma sono sicura che ancora non ci hanno rivelato tutto quanto in questo primo libro.
Sono curiosa di leggere il secondo capitolo, ma ancora più curiosa di vedere che magia faranno i registi portando questo piccolo capolavoro sul grande schermo, spero di non rimanerne delusa.
Tempo di lettura: 2 giorni

5 commenti:

  1. Ieri è uscito il terzo volume nelle librerie e non vedo l'ora di averlo tra le mani per leggerlo, finalmente!
    Questo primo volume l'ho letto a inizio anno ed è riuscito a coinvolgermi ed appassionarmi a tal punto da farmi innamorare della serie e dell'autore.
    E' sicuramente una storia originale, ancora più originale è l'idea di inserire foto durante la narrazione, e mi ha catturata dal primo istante.
    Non vedo l'ora di vedere la trasposizione cinematografica, anche se hanno già annunciato che alcune cose le hanno cambiate - come, per esempio, i nomi.
    Ho molto fiducia in Tim Burton e so che non mi deluderà! *-*

    RispondiElimina
  2. Tutti parlano benissimo di questa trilogia, ma io non l'ho ancora letta! Devo recuperare al più presto ;) Poi non vedo l'ora di vedere il film perchè dal trailer sembra stupendo!

    RispondiElimina
  3. Bella recensione ^^ Anch'io ho adorato questo primo volume e spero di riuscire a leggere presto gli altri due. Curiosissima anche per il film *__*

    RispondiElimina
  4. Io di leggere il secondo ne avevo poca voglia... ultimamente boh, sarà che vedo pubblicità del film ovunque... mi sta tornando v.v

    RispondiElimina
  5. Ho apprezzato molto anch'io questo libro, soprattutto perché la narrazione è talmente scorrevole che lo si divora pieni di curiosità!! :-)
    Hai poi letto i libri seguenti?

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*